Progetti di integrazione

ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA PER ALUNNI BES
Il laboratorio si propone di fornire agli alunni coinvolti alcuni strumenti e competenze di base per utilizzare in maniera efficace e proficua le risorse digitali di cui hanno bisogno come supporto allo studio individuale e al lavoro in classe. L’attività sarà prettamente laboratoriale, con il docente che fornirà indicazioni pratiche e dimostrazioni, esempi ed esercitazioni/simulazioni utilizzando software e app gratuite o libri digitali già in utilizzo, seguendo di volta in volta i progressi degli alunni.
RECUPERO NELL'UTILIZZO DEGLI STRUMENTI DISCIPLINARI PER CONSOLIDARE LE ABILITÀ DI BASE.
Il progetto, rivolto ad alcuni alunni delle classi prime, si propone di promuovere il recupero/consolidamento delle abilità di base a sostegno del benessere degli alunni nel contesto della classe.    Le attività sono svolte da due docenti interni alla scuola.

GULP – DISAGIO SCOLASTICO

Il progetto, rivolto ad alcuni alunni delle classi terze, si propone di sostenere gli alunni nelle varie discipline di studio per la preparazione dell'esame di Stato. In particolare, si prevedono le seguenti attività:

  • Esercitazioni guidate per la preparazione della prova scritta di Inglese. (10 ore)
  • Esercitazioni guidate per la preparazione della prova scritta di Matematica. (10 ore) -
  • Preparazione di un percorso pluridisciplinare per il colloquio orale. (10 ore)
DSA – LABORATORI  PER  LA DISLESSIA E LA DISCALCULIA
Il progetto vuole creare un'esperienza di formazione per fornire agli insegnanti strumenti di studio e di ricerca che, attraverso screening progettati da esperti, laboratori di rinforzo/recupero, prevengano comportamenti e stili di apprendimento a rischio di Disturbo Specifico dell'Apprendimento.
LABORATORI DI ALFABETIZZAZIONE E DI POTENZIAMENTO DI ITALIANO L2 
Il laboratorio di alfabetizzazione dell'italiano come lingua 2 si pone nei suoi molteplici aspetti: come funzione comunicativa sia nell'espressione di bisogni legati alle necessità quotidiane che nella specificità delle relazioni sociali e come strumento per la comprensione negli apprendimenti strutturati e nello studio.

DIRITTO AL FUTURO (PROGETTO BOTTEGHE E PROGETTO ZENIT)
I due progetti sopra menzionati rientrano nell'area del "Diritto al Futuro", promosso dall'Unione Terre d'Argine. I destinatari sono le classi terze con eventuale proposta di casi a forte rischio dispersione di alcuni alunni di prima e seconda.

PROGETTO BOTTEGHE
Attività didattica di cucina e cura del verde-giardinaggio in collaborazione con il CFP “Nazareno”, una volta a settimana per 8/10 incontri.

PROGETTO ZENIT
Laboratorio di orientamento alla scelta della Scuola Secondaria di Secondo Grado destinato a studenti stranieri che frequentano la classe terza. Obiettivi formativi e competenze attese Contrastare il fenomeno della dispersione scolastica precoce. Favorire l'acquisizione di modalità di apprendimento basate sull'esperienza o “altre” rispetto a quelle tradizionalmente utilizzate in ambito scolastico. Promuovere il benessere e la prevenzione del rischio in adolescenza. Promuovere l'integrazione di culture diverse

PROGETTO “PIPPI”
Programma di prevenzione in collaborazione con i Servizi Sociali di forme di dell’Istituzionalizzazione a beneficio delle situazioni familiari e sociali più fragili.

POTENZIAMENTO DI RISORSE EDUCATIVE E ASSISTENZIALI 
Nell'assetto organizzativo delle figure di potenziamento per lo svolgersi delle attività didattiche ed educative e del Personale Assistenziale all'interno del plesso sarà possibile, lavorando nella piena collaborazione con il team di classe, utilizzare le esperienze e le professionalità degli operatori per favorire scambi tra alunni di età e competenze eterogenee utilizzando linguaggi non verbali, e arricchire il campo delle esperienze personali e di gruppo.
GIORNATA PERSONE DISABILI
I docenti di sostegno della scuola primaria e secondaria hanno progettato alcune attività rivolte ai ragazzi con disabilità e alle classi cui essi appartengono. Si tratta di progetti svolti in gruppo sotto la guida di docenti e personale educativo o di esperti esterni, che consentono di manifestare e sviluppare particolari attitudini e abilità volte al recupero psicomotorio, alla maturazione dell’autonomia personale e alla socializzazione.